Categorie
News associati

Una proposta per le Aziende che Promuovono Salute – “Rete WHP Lombardia”

A.S.D. Air Shooting è un’Associazione Sportiva riconosciuta dal CONI ed utilizza come attrezzature sportive le armi di libera vendita ad aria compressa, aventi le caratteristiche previste dal Decreto N°3629  Agosto 2001.

Gli effetti benefici del tiro a segno sono confermati da Bruno Fabbri, medico dello sport e direttore del Centro di Medicina dello Sport Coni di Padova. «Da un punto di vista fisico – spiega il medico – non si hanno particolari necessità cardiovascolari, proprio perché non è uno sport di fatica. Il tiro a segno aumenta il controllo, favorisce la disciplina, la consapevolezza di sé, e il rilassamento».

Attraverso le tecniche di respirazione il fisico si abitua a fissare l’attenzione e rilassarsi in breve tempo. Senza contare che questo sport favorisce l’incanalamento dell’aggressività. «Può essere un’utile palestra – conclude Fabbri – per convogliare le energie in modo costruttivo. Un beneficio che si rivela utile a tutti i soggetti, e soprattutto agli adolescenti, per la loro particolare fase di  vita».  (https://ricerca.gelocal.it/mattinopadova/archivio/mattinopadova/2005/06/07/MS2PO_MS204.html)

A.S.D Air Shooting propone un progetto sportivo dedicato alle  “Aziende che Promuovono Salute – Rete WHP Lombardia” 

Lo stress è la risposta psicofisica ad una quantità di compiti emotivi, cognitivi o sociali, percepiti dalla persona come eccessivi, e pertanto può facilmente portare numerosi disturbi,con sintomi fisici; comportamentali; emozionali; cognitivi dando luogo inevitabilmente ad: ansia; difficoltà nella gestione dei rapporti interpersonali; paure irrazionali.

Tutto ciò ci può portare a smarrire la concentrazione e a mancare gli obbiettivi sia nella fera personale che ovviamente  nelle attività lavorative.

Il Tiro a segno grazie alla gestione della respirazione, della concentrazione,della coordinazione oculo manuale,fino all’atto di conclusione del tiro,risulta propedeutico per l’incremento dell’autostima positiva e ci aiuta a ritrovare il giusto benessere psicofisico ed a risolvere,i conflitti personali, lavorativi e le situazioni di stress in genere, ritrovando noi stessi e ritrovando quindi la giusta calma.

L’attività è indicata a tutte le fasce di età di ambo i sessi, ed in particolar modo alle persone che a causa di attività lavorative  intense o particolarmente  stressanti hanno la necessità di scaricare energie negative ritrovando un equilibrio mentale e naturalmente anche fisico,gestendo gli stati ansiosi, e le eventuali condizioni di  frustrazioni o conflitti personali.

in attesa di un vostro riscontro alla presente e restando a vostra disposizione per eventuali altri chiarimenti mi è gradita l’occasione di porgere distinti saluti

Desio lì 24/04/19                                                                     il Presidente

   Marco Ghezzi

Categorie
News associati

Sport Salute Integrazione II^ PARTE LA FORMAZIONE

Nei giorni 11 e 18 Maggio, abbiamo iniziato il percorso di formazione che ci permetterà di gestire al meglio questa nuova esperienza,cosi abbiamo frequentato il corso “Sport e inclusione per società sportive” Promosso da TIKI TAKA Equiliberidiessere; Welfare in azione e Fondazione Cariplo. I relatori ci hanno aperto la mente verso nuovi e affascinanti percorsi che nonostante la natura degli argomenti sono stati affrontati con professionalità e leggerezza.

Abbiamo così scoperto che integrazione è solo un modo di approcciare l’argomento, perchè prevede che gli attori in gioco debbano comunque avrere determinate abilità per poter interagire tra loro e donque non tutti i soggetti possono partecipare alle iniziative. L’inclusione è invece un modello più completo in quanto prevede una maggiore interazione tra i soggetti presenti,ognuno per le proprie capacità Fisiche o Mentali grazie alla stesura di nuove regole che che prevedano specifici ruoli permettendo così l’avvicinamento di tutti i soggetti coinvolti nell’attività che sia sprtiva oppure semplicemente ludica.

Nasce così la consapevolezza di poter cambiare le regole del gioco e di poter cambiare anche il nostro progetto,nella prima stesura avevamo individuato alcune caratteristiche minime ossia una discreta capacità di coordinamento oculo manuale per poter colpire il bersaglio posto a 10 mt di distanza, limitando così notevolmente il numero di persone potenzialmente coinvolte, questa novità ha subito generato una discussione nel nostro gruppo al fine di trovare risposte tecniche che potessero aiutarci ad abbattere quanto più possibile gli impedimenti alla partecipazione.

prossimamente elaboreremo un nuovo progetto che tenga conto di quanto appreso al fine di INCLUDERE più persone possibili nelle nostre attività sportive e comunque societarie. Concludo questo breve articolo con i più sinceri ringraziamenti a tutto lo Staff relatori del corso e rimaniamo in attesa di nuove proposte formative che ne sono certo apriranno nuovi magnifici orizzonti per l’abbattimento delle bariere culturali e fisiche.